Area 121 / Industrial building

mostra altro

Architecture for industry

Architettura per l’industria

L’edificio industriale per sua natura è considerato  parte integrante del ciclo produttivo, di fatto una  delle poche tipologie edilizie il cui valore è misurato  più in termini di bene strumentale che non in termini  immobiliari. In particolare nella grande industria  la costruzione dell’edificio segue le esigenze  logistiche, distibutive e volumetriche dettate dalla  produzione mentre destino e ruolo dell’architettura  risultano oggi direttamente collegati al valore  percepito, da parte del mercato, del prodotto  stesso. In effetti la tendenza che sembra modificare  il significato dell’involucro edilizio oltre al modo  e le caratteristiche con cui l’edificio si insedia nel  territorio, segue le richieste di una competizione  globale per la quale, specialmente nelle attività  industriali in cui la conoscenza del marchio e della  cultura aziendale costituisce un “plus” trasmissibile,  si rende necessario marcare un differenziale  “visibile” rispetto alla concorrenza. E poiché la  comunicazione ha assunto un peso assolutamente  preponderante rispetto al passato nel decretare  successi o insuccessi di un determinato bene di  consumo, i luoghi e i modi di produzione sono  entrati al pari del design, del confort, del packaging,  nel circuito della qualità percepita dall’utente  contribuendo ad orientare le scelte dei consumatori.  Per questa via, al di là della consistenza fisica e  qualitativa dell’oggetto o del bene prodotto, sono  divenute importanti la filosofia aziendale, il rispetto  dei lavoratori e le loro condizioni di vita e operative,  la salvaguardia dell’ambiente ed il consumo di  energia e quindi di risorse, la produzione di  emissioni inquinanti, l’immagine complessiva  dell’azienda, la provenienza della materia prima,  ecc. In questo scenario il termine “fabbrica”  appare riduttivo e non esaustivo rispetto alla  complessità del processo e delle realtà industriali  contemporanee e poiché produrre significa progettare, ingegnerizzare, testare, assemblare, costruire, pubblicizzare, esporre e commercializzare  un determinato prodotto forse sarebbe più  opportuno parlare di “campus” industriali; di  luoghi multifunzionali che sappiano rappresentare  l’essenza e la sostanza dell’azienda. Luoghi a cui  l’antico anonimato toglie la necessità di continuare  ad essere, come sottolineato inizialmente, un bene  principalmente strumentale, prendendo atto che, nel  mercato globale contemporaneo, gli strumenti sono  cambiati.

Marco Casamonti

Download cover and index

Download introduction of Marco Casamonti

Download editorial of Laura Andreini

Download Perfetti Van Melle Factory