AREA 134 / CLIENTS

mostra altro

Il valore della committenza

Con un complesso quanto contraddittorio parallelo di genere spesso si paragona l‘architetto, per quanto in Italia il termine sia declinato al maschile, alla madre e il committente, o meglio la committenza, nella nostra lingua sostantivo femminile, al padre di una qualsiasi architettura o opera: la quale, di conseguenza, appare figlio, anzi figlia, poiché entrambi i termini sono in italiano femminili, dei primi due. Al di là delle contese linguistico grammaticali sul sul “sesso degli angeli“, data scontata, per l‘architettura, una dimensione etico-onirica legata alla vocazione a migliorare la vita delle persone, alla ricerca dell‘armonia e del bello (si sarebbe detto un tempo), conviene forse concentrare l‘attenzione sull‘importanza della reciprocità che lega il rapporto tra architettura e committenza: secondo un legame duale che vincola il risultato al livello culturale, di conoscenza e competenza, che investe tanto chi commissiona un‘opera, quanto chi la progetta. Con il monito, titolo del suo libro più letto, “Amate l‘architettura“, Gio Ponti intendeva proprio riferirsi a tutti, cioè progettisti, promotori ed utenti, attribuendo l‘interesse per l‘opera al ruolo comune dei diversi attori che congiuntamente costituiscono due facce della stessa medaglia. I critici e sovente i castigatori della categoria degli architetti sostengono con qualche ragione che, oltre i meriti, le responsabilità di una data opera ricada più sull‘architetto che sul committente, anche perché se il committente non è colto o peggio incapace, o di comprovato cattivo gusto, al progettista, libero professionalmente, resta la possibilità del rifiuto e del diniego dell‘incarico. Tuttavia se ciò è vero in linea di principio, non salva il territorio dal disastro perché vi sarà sempre qualcuno disponibile a costruire finte Venezie in Cina o negli Stati Uniti, copie di San Pietro in Africa e torri Eiffel ovunque nel globo. È vero viceversa il contrario, e cioè che anche opere di straordinario valore architettonico possono, anzi purtroppo spesso sono, private proprio dai committenti o dai proprietari successivi del dovuto rispetto, delle necessarie cure e manutenzioni: lasciando andare in rovina, spesso anzi demolendo, molti e importanti capolavori, tant‘è vero che nei paesi più avanzati i governi istituiscono opportuni enti di tutela. Risulterebbe allora appropriato il consumato parallelo familiare dove il padre committente mette il seme (la necessità o volontà, l‘energia, il denaro), il progettista lo raccoglie e, con gestazioni variabili, più o meno lunghe, dà alla luce il risultato del loro reciproco incontro che è il progetto ma, sappiamo, non ancora l‘architettura, che invece è il prodotto finale in “carne ed ossa“. In effetti la questione è diversa e ben più complessa del ciclo imposto secondo le regole della riproduzione della specie perché, se nelle fasi iniziali tutto appare come in natura, e cioè paragonabile al gradimento dei partner all‘accoppiamento consenziente, successivamente entrano nelle trasformazioni urbane piccole o grandi che siano, molti fattori e protagonisti: il rispetto delle regole del costruire, non sempre congruenti o finalizzate all‘ottenimento del miglior risultato possibile, la capacità realizzativa del costruttore, che recita un ruolo decisivo rispetto all‘esito finale dell‘architettura, il livello culturale e sociale degli eventuali futuri proprietari, diversi dal committente iniziale, nel manutenere e gestire il bene, oltre alla congruenza di ciò che viene realizzato nell‘intorno, giacché un‘architettura non vive isolata ma si alimenta e si rispecchia nel suo contesto di riferimento sia esso urbano che naturale, contesto con cui, evidentemente, interagisce nell‘immediato e nel tempo. Gli affezionati del parallelo tra architettura e natura che dal capitello corinzio ad oggi continuano a mescolare le carte, sostengono che anche un figlio può rovinarsi: cattive amicizie, scuole sbagliate, eventi accidentali, imprevedibili problemi di salute o al contrario avere una vita facile e felice, proprio come per l‘architettura. E allora torniamo pure alla metafora del padre e della madre: in fondo cosa c‘è di più importante? A noi architetti va bene così anche se la condizione, come è noto, è necessaria ma non sufficiente!

Marco Casamonti

Download cover and index

Download introduction of Marco Casamonti

Download Storm King Center